Che fatica essere un Rottweiler.....

  • By marzia 
  • 2849 giorni ago  
  • with 0 comments  
  • in Articoli 
293

di Roncon Marzia

Per noi “Rottweiler-isti” è diventato ormai un luogo comune sentirci fare mille domande del tipo: <<ma è vero che il rottweiler sbrana le persone; dicono che impazziscono dopo una certa età; non ha paura che le mangino i bambini…>> e potrei continuare all’infinito. Ma proviamo a metterci nel panni o meglio nei peli di un Rottweiler e pensiamo un attimo… è terribile.Io, cane, mi avvicino a un passeggino, curioso e guardo dentro, ne più ne meno come fa il mio padrone umano e, subito, mi si urla contro… <<il cane stava per mordere il bambino>> …”ma… veramente io stavo solo guardando”… Perché al parco tutti possono correre e giocare e io no… devo stare legato e con la museruola e se il padrone si azzarda a farmi fare due passi libero deve litigare con mezzo parchetto tanto che alla fine decide di riportarmi a casa nervoso e indignato…?! Se riflettiamo un attimo capiamo quanto sia difficile essere un Rottweiler…Bene, allora cerchiamo l’origine del problema.

Nel 2002 sono stati registrati nei libri Genealogici Italiani ben 6.640 cuccioli di Rottweiler, nel 2008 ne sono stati registrati 2.460. Ciò significa che in 7 anni sono nati 4.180 cuccioli in meno la media di 597 in meno all’anno. Considerando che gli allevamenti Italiani, indicativamente, non sono ne aumentati ne diminuiti in maniera significativa, ciò ci fa dedurre che buona parte di quei 4.180 cuccioli siano frutto di capricci di persone che non hanno la minima conoscenza in materia cinofila, ma che per la gioia di una cucciolata in casa si sono improvvisati allevatori senza rendersi conto di essere responsabili (in buona parte) di  cani non controllati né morfologicamente né caratterialmente, che hanno dato inizio ai guai per la nostra razza, oltre ad aver contribuito alla svendita (al limite del “regalo cuccioli…”) ed al conseguente ignobile aumento dell’abbandono. che dire?! Complimenti…Tutti questi Rottweiler prodotti (questo è il termine più appropriato…) da questi allevatori improvvisati, sono soggetti morfologicamente non in standard e peggio ancora, con caratteri instabili, diffidenti, timidi o aggressivi, tutti aggettivi che non dovrebbero appartenere a un buon Rottweiler selezionato proprio per essere un solido compagno attento leale, affidabile ed EQUILIBRATO.Questa diminuzione negli anni così drastica è comunque un sollievo per la razza. La speranza è che si inizi a capire che una cucciolata non è una fonte di guadagno (anzi), e che trovare persone serie e affidabili ai quali affidare un molosso non è così semplice. L’ Europa dovrebbe seguire gli esempi degli allevatori Statunitensi, i quali a coloro che desiderano un cane da compagnia viene chiesto il certificato di sterilizzazione o di castrazione dopo il sesto mese di vita del cucciolo, proprio per evitare l’incontrollata “produzione” di soggetti non equilibrati… Diversamente, a chi desidera qualcosa in più di un cane da famiglia, vengono proposte collaborazioni con gli allevatori, mediante affidamenti e comproprietà: in questo modo si prosegue con un programma di selezione di altissima qualità senza perdere per strada linee di sangue importanti e soprattutto senza creare soggetti con caratteri instabili.Ma si sa… siamo su un altro “pianeta” noi ovviamente siamo i “faso tutto mi”: chiunque può allevare; un solo cane ci basta per gli show, per le prove da lavoro, per l’agility… manca solo che gli spuntino le ali ed impari a volare…!Insomma il risultato è che ci rendiamo ridicoli e abbiamo sempre un livello mediocre di qualità e affidabilità… e quando il nostro peloso ci ha stufati, via si cambia razza e si ricomincia in questo lavoro di distruzione genetico di un’altra razza. Sono stati rovinati anni di lavoro di allevatori e selezionatori, sono andate perse delle linee importanti, sono stati fatti accoppiamenti non controllati, che hanno riportato a galla nuovamente difetti che non si vedevano più da anni e grazie a tutto questo ed alla conseguente pessima pubblicità dei media, il Rottweiler viene considerato un cane pericolo e inaffidabile.Tutto ciò perché? Per la solita, infinita ignoranza umana.…Eggià, è proprio difficile essere un Rottweiler…!!