HELP-FRENCHIE PARLIAMO DI DEMODETTICA

  • By admin 
  • 131 giorni ago  
  • with 0 comments  
  • in Articoli, News 
demodex

Articolo Istruttivo per la razza Bouledogue Francese 22 luglio 2020

SFATIAMO UNA LEGGENDA METROPOLITANA

LA ROGNA ROSSA

o più conosciuta come DEMODETTICA

Vista la quantità di stupidaggini ( per non dire altri termini) che in tanti anni ho sentito dire ( anche da medici veterinari) a chi è capitata questa demodicosi, mi sembra giusto e doveroso, rassicurarvi e spiegarvi correttamente di cosa stiamo parlando!

La demodicosi, detta anche rogna rossa, è causata d un acaro che VIVE nel sotto cute di tutti i cani, chiamato: demodex. Al contrario della scabbia, o rogna sarcoptica, non è trasmissibile ne all'uomo ne ad altri soggetti sani.
L'acaro demodex, infatti, è presente nei follicoli piliferi di tutti noi umani e in tutti i cani. Normalmente vive in simbiosi con l'ospite senza arrecare danni o problemi: solo in particolari condizioni, in cui si verifica un calo temporaneo delle difese immunitarie, questo si moltiplica a dismisura diventando patologico.
Quando sono in numero troppo elevato, infatti, causano infiammazione dei follicoli piliferi (follicolite) e spesso la morte del pelo che nasce da quel follicolo: in questo modo si formano le zone alopeciche ( senza pelo) che ne sono il principale sintomo.
Fino a poco tempo fa si riteneva che fosse una malattia a trasmissione genetica anche se non si sapeva esattamente in che modo; inizialmente si pensava che la madre trasmettesse gli acari durante l'allattamento: ma moltissimi casi in cui le madri erano perfettamente sane ed i cuccioli sviluppavano poi il problema ha sollevato molti dubbi. In altri casi i cuccioli non venivano allattati dalla madre (ma artificialmente) e ugualmente alcuni sviluppavano la demodicosi.
Nacquero nuove teorie in cui si sosteneva che fosse l'incapacità di reagire a questo acaro ad essere genetica... anche queste vennero smentite perché, se l'incapacità fosse genetica, per i cani sarebbe impossibile guarire: dovrebbe rimanere una malattia cronica per tutta la vita del cane cosa che, invece, si verifica solo nei casi non correttamente trattati.
I nuovi studi affermano quindi che l'acaro è sempre presente e che in determinate condizioni di abbassamento delle difese immunitarie diventa patologico.
I cuccioli sono tra i più colpiti in quanto il loro sistema immunitario non è ancora completamente sviluppato. Anche i cani adulti sottoposti a vari stress (malattie, estro della femmina, abbandono, interventi chirurgici, allattamento, post-parto) diventano più suscettibili al problema.

COME MI ACCORGO SE IL MIO CANE HA LA DEMODETTICA?

 

Dunque spiegato di cosa si tratta in termini corretti, abbiamo capito che non si muore per un acaro, che abbiamo pure noi umani, la domanda sorge spontanea, come mi accorgo se al mio cane è fuoriuscito l’acaro e come lo debello.

Niente di più semplice!

Se notate una piccola chiazzetta di pelo mancante , in una qualsiasi parte del corpo con crosticine rossicce, eccolo è lui. Ma prima di trattarlo, è bene fare un esame al microscopio dal veterinario .

Nel caso fosse lui, la famigerata cura tanto temuta, altro non è che una serie di somministrazioni di un antiparassitario specifico di nome ADVOCATE , che probabilmente molti di voi usa già come antiparassitario generico, ma a intervalli  di tempi differenti , e STOP!!!!

Niente per bocca, e niente spugnature tossiche, dunque non allarmatevi.

RICORDATE che sarebbe molto peggio se fosse pieno di zecche o pulci, con conseguente trasmissione di malattie gravi!